Un possibile progetto nel sociale: A

Esistono molte realtà in Italia profondamente impegnate nel ridare dignità a persone svantaggiate, o vittime di dipendenze.

Per queste associazioni, quasi sempre ONLUS, è stata pensata una iniziativa particolare, che si pone un importante obiettivo, ovvero quello di insegnare un mestiere e nel contempo dare la reale opportunità di inserirsi nel mondo del lavoro in modo indipendente, concreto e economicamente sostenibile.

L’idea è quella di installare un primo kit, su un terreno di proprietà della ONLUS (stabile, edificio o altro), nel quale far lavorare le persone su più turni, organizzando anche corsi di formazione.

Il lavoro nei kit AGRI ISLAND è piuttosto semplice, non richiede abilità specifiche ma solo la conoscenza del sistema e alcune nozioni base di agronomia e biologia, per gestire nel modo corretto l’equilibrio fisico/chimico necessario al ciclo produttivo. Verrà inoltre insegnato come effettuare la pulizia e la manutenzione degli impianti nel tempo.

Si stima che le competenze specifiche per gestire in maniera autonoma un proprio kit possano essere assimilate in tempi abbastanza brevi (3-6 mesi).

A seguito di questo periodo di apprendimento, le persone che si sentiranno pronte, potranno realizzare un proprio kit personale mediante un finanziamento agevolato, dedicato al progetto, e in grado di coprire tutte le spese iniziali.

Tale finanziamento sarà costruito per permettere al produttore agricolo di restituire il capitale nel tempo in modo sostenibile.

Una volta restituito il capitale (si stima in 5/6 anni) l’impianto rimarrà di proprietà dell’operatore, consentendogli di lavorare stabilmente attraverso un bene di sua proprietà.

L’aggregazione di più progetti potrà creare delle aree di vendita comuni, ridurre le spese di approvvigionamento, rendere più agevoli le operazioni di manutenzione, creare dei rapporti di solidarietà continuativi tra operatori che potranno agevolare ed aiutare il reinserimento nel mondo del lavoro in maniera stabile e continuativa. Sarà possibile utilizzare i kit di proprietà per formare altre persone, e dare vita ad un processo di riabilitazione “ciclico”, di vantaggio e utilità per tutti.

Per aumentare la rendita economica dell’iniziativa, potranno anche essere organizzate visite guidate o attività di tipo didattico.

Un possibile progetto nel sociale: B

Un altro progetto potrebbe essere l’istallazione di una MICRO-FATTORIA direttamente su territori “svantaggiati” con l’intento di fornire sostentamento e professionalità/lavoro nel futuro.

L’idea è quella di installare un kit, nel villaggio, scuola, orfanotrofio, ospedale nel quale far lavorare le persone del luogo.

Il lavoro nei kit AGRI ISLAND è piuttosto semplice, non richiede abilità specifiche ma solo la conoscenza del sistema e alcune nozioni base di agronomia e biologia, per gestire nel modo corretto l’equilibrio fisico/chimico necessario al ciclo produttivo. Verrà inoltre insegnato come effettuare la pulizia e la manutenzione degli impianti nel tempo.

Si stima che ogni MICRO-FATTORIA, considerano le cautele tenute nei calcoli di produzione, per calorie prodotte, sarebbe in grado di soddisfare il fabbisogno alimentare minimo di 12/15 persone, a tempo indeterminato, senza altro supporto alimentare.